Una ricetta proposta dal ristorante Campiello

La piovra, non può passare inosservata: grosso mollusco servito con il sapore d’arrosto, si accompagna bene ai prodotti più usati anche per le carni.
Connubio tra «essenza» di capra, menta, limone, mais e mare. Gusti e consistenza marcati come i crakers di mais.

Ingredienti

3 piovre di medie dimensioni
200 g di ricotta di capra
curry q.b.
60 g di farina mais
rosmarino q.b.
limone candito
succo di limone q.b.
3 dl di acqua.

Preparazione

Cuocere la piovra in una soluzione di acqua e ortaggi, meglio se a vapore per 45 minuti, ma va bene anche cuocerla in pentola a pressione per 15-20 minuti.
Tagliare la piovra a pezzi, condirla con un po’ di curry e rosmarino. Al momento di servirla passarla in un padellino molto caldo, meglio se antiaderente.
Prendere ora la ricotta, mescolarla con sale, pepe, menta e il limone candito ottenuto tagliando la buccia alla julienne, che viene lasciata candire in una soluzione di acqua e zucchero in parti uguali.
Preparare la salsa di polenta cruda, unendo all’acqua in ebollizione la farina di mais lasciata cuocere per qualche minuto. Con l’aiuto del minipimer montare la salsa con un po’ di olio extravergine d’oliva.
Servire la salsa di polenta sulla base del piatto, una quenelle di ricotta e infine la piovra.

Vino consigliato

Shàris di Livio Felluga. Semplice e gioioso il piatto, che trova con questo vino un connubio ideale. Ottenuto da Chardonnay e Ribolla gialla fermentati in acciaio, Shàris sa coniugare rotondità e freschezza in bocca.
Da servire a 8° C nel calice
Riedel Vinum Sauvignon.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>